Santiago de Cuba: cosa vedere, cosa fare!

Ultimo aggiornamento del post 11 Giugno, 2024

Santiago de Cuba: cosa vedere

Santiago de Cuba è la seconda città più grande di Cuba. Si trova a più di 750 chilometri  da L’Avana. Come la capitale, anche Santiago de Cuba è ricca di tesori culturali e storici. E’ città ha una forte atmosfera caraibica. Scoprila leggendo il mio post!

Ecco cosa potrai leggere in questo post:

1. Santiago de Cuba: Cosa Vedere e Fare
1. 1. Parque Céspedes
1.2. Casa de Diego Velázquez.
1.3. Museo Provinciale Bacardí Moreau
1.4. Catedral de Nuestra Señora de la Asunción
1.5. Calle Padre Pico
1.6. Casa natale di José María Heredia
1.7. Museo del Carnevale
1.8. Museo de la Lucha Clandestina
1.9. Museo del Ron
1.10 Plaza de Dolores
1.11. Plaza Marte
1.12. El Castillo del Morro San Pedro de la Roca
2. Cuba Cosa Vedere
3. I miei Programmi di Viaggio a Cuba
4. Scopri Chi Sono

1. Santiago de Cuba: Cosa Vedere e Fare

Santiago de Cuba ha celebrato nel 2015 i suoi 500 anni di storia.
La città ha avuto un ruolo importante nello sviluppo di Cuba, dagli inizi delle guerre per l’indipendenza alla Rivoluzione. Non c’è da stupirsi che si sia guadagnato il titolo di Ciudad Héroe (“città degli eroi”).

Ha uno deciso spirito indipendente, cresciuto attraverso il suo isolamento da L’Avana e alla sua tradizione di commerci e legami storici con le isole caraibiche circostanti, in particolare la Jamaica e la Repubblica Dominicana, a cui si deve il particolare accento (una sorta di cantilena) dei santiagueros, gli abitanti di Santiago.

Ha accolto nel corso di centinaia di anni immigrati da diverse parti del mondo, sia di lingua inglese che francese. Proprio i francesi, arrivati qui dopo la Rivoluzione di Haiti, favorirono in particolare la coltivazione del caffè, che qui trova le condizioni ideali.  Anche la musica e le danze locali hanno una chiara influenza caraibica.

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!


Le radici africane dei cubani sono più molto pronunciate qui a Santiago che in altre parti dell’isola e l’architettura stessa della città, che  fonde stili caraibici, spagnoli e europei, fa comprendere l’ apertura di Santiago al mondo.

Difficile dire quanto tempo dedicare a Santiago. Tieni conto che diverse persone preferiscono Santiago alla capitale La Avana.
√ Guarda e interagisci con la Mappa Google di Santiago de Cuba >>

Ecco alcuni dei tanti luoghi che puoi visitare mentre sei a Santiago de Cuba:
Torna all’indice

Santiago de Cuba: cosa vedere: parque cespedez
1. 1. Parque Céspedes

Lungo il punto d’incontro centrale per santiagueros, questa grande piazza brulica di suoni e movimenti giorno e notte. I musicisti vagano intorno alle sue panchine, occupate già dalle prime ore del mattino fino a tarda sera. Al centro del parco vedrai una grande statua bronzea di Carlos Manuel de Céspedes, il cui Grito de Yara dichiarò l’indipendenza di Cuba dalla Spagna nel 1868 e iniziò la Guerra dei Dieci Anni.
Torna all’indice

Santiago de Cuba: cosa vedere: casa de don Velasquez
1.2. Casa de Diego Velázquez.
Costruita nel 1516, questa struttura è considerata la casa più antica di Cuba.  Diego Velázquez de Cuéllar, il conquistatore spagnolo che ha fondato la città ed è stato il primo governatore dell’isola, viveva al piano di sopra. All’interno troverai letti, scrivanie, cassapanche e altri mobili d’epoca e addirittura una piccola fonderia d’oro.  Ammira gli intagli moreschi a forma di stella sulle finestre e sui balconi in legno e l’originale patio interno con il suo pozzo e la vasca di raccolta dell’acqua piovana.

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

1.3. Museo Provinciale Bacardí Moreau
Il più antico museo di Cuba fu fondato nel 1899 da Emilio Bacardí Moreau, l’ex sindaco di Santiago, la cui famiglia produttrice di rum fuggì a Puerto Rico dopo la Rivoluzione. Il seminterrato, da cui si accede dal lato dell’edificio, presenta manufatti pre-colombiani, tra cui alcune mummie e una testa rimpicciolita, realizzati da diverse culture indigene delle Americhe. Al primo piano troverai invece oggetti coloniali, armi antiche, reliquie della tratta degli schiavi e una galleria d’arte che ospita opere del XIX e dell’inizio del XX secolo.
Torna all’indice

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SU CUBA
CLICCA QUI


1.4. Catedral de Nuestra Señora de la Asunción

Le torri gemelle e la cupola centrale della cattedrale neoclassica di Santiago incombono sul bordo meridionale del Parque Céspedes. Poiché questa zona è in cima a una collina, il profilo della cattedrale è visibile da lontano e crea una silhouette riconoscibile.

La cattedrale venne costruita per la prima volta in quest’area nel 1523, ma l’attuale edificio risale principalmente al 1922. All’interno, il soffitto è stato magnificamente restaurato e ci sono diverse opere degne di nota di arte religiosa, tra cui una scultura del santo patrono di Cuba, La Virgen de la Caridad.
Torna all’indice


1.5. Calle Padre Pico
Salire i gradini di pietra per questa strada ti ricompenserà con più di una bella vista di quadretti di vita di Santiago. La calle fa parte del quartiere di Tivoli, dove palazzi coloniali risiedono fianco a fianco con edifici del XVI secolo. La gente del posto si raduna sui suoi bordi ombrosi per spettegolare, giocare a domino o guardare i visitatori come te mentre risalgono la calle.
Torna all’indice

1.6. Casa natale di José María Heredia
Questa dimora coloniale spagnola fu la culla del poeta José María Heredia, che, per i suoi scritti a favore dell’indipendenza, è considerato il primo poeta nazionale di Cuba. Heredia morì nel 1839 all’età di 36 anni mentre era esiliato in Messico. La casa, ora solo una piccola parte delle sue dimensioni originali, ospita mobili d’epoca e alcune opere e oggetti del poeta. Il tradizionale patio interno della casa è pieno di alberi e piante – tra cui aranci, mirti, palme e gelsomini.
Torna all’indice

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SU CUBA
CLICCA QUI

Santiago de Cuba: cosa vedere: museo del carneval
1.7. Museo del Carnevale
Lo spirito di una delle feste di strada più vivaci dei Caraibi, il carnevale annuale di luglio a Santiago, è ricordato in foto e ritagli di giornale, carri allegorici, costumi e strumenti musicali. Se non puoi partecipare direttamente al Carnevale di Santiago, questo è un ottimo posto per avere un’idea di che cosa è questo evento, uno delle manifestazioni più rilevanti di Cuba.
Torna all’indice

1.8. Museo de la Lucha Clandestina
Ogni città cubana di qualsiasi dimensione ha un museo dedicato alla Rivoluzione. Ad essere sinceri, la maggior parte inizia ad assomigliarsi. Il Museo della lotta clandestina di Santiago è uno dei migliori del Paese. È ospitato in un edificio del XIX secolo, che un tempo era il quartier generale della polizia della città. Fu attaccato e bruciato da Frank País e da una banda di ribelli il 30 novembre 1958.  Non perderti anche le avvincenti vedute sulla baia.
Torna all’indice

1.9. Museo del Ron
Ecco il posto giusto per conoscere e comprendere i diversi processi di produzione del rum. Troverai anche macchinari e oggetti antichi che documentano la storia dell’ex fabbrica Bacardí. I Bacardí, una delle famiglie più antiche di Santiago, inizialmente sostenevano gli obiettivi rivoluzionari di Castro ma lasciarono Cuba per il Porto Rico quando le loro installazioni furono nazionalizzate.  Nello stesso edificio (ma accessibile solo attraverso un ingresso dietro l’angolo) troverai la Taberna del Ron, che vende prodotti di rum e regali.
Torna all’indice

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

Santiago de Cuba: cosa vedere: plaza de dolores
1.10 Plaza de Dolores
A quattro isolati dal Parque Céspedes, questa lunga piazza – l’ex mercato della città – è circondata da caffè, ristoranti all’aperto e case del XVIII° secolo con dei bei  balconi in legno. Prende il nome dalla chiesa che domina la sua estremità orientale, la Iglesia de Nuestra Señora de los Dolores, che è stata rinnovata e trasformata in una sala da concerto.
Torna all’indice

Santiago de Cuba: cosa vedere: plaza marte
1.11. Plaza de Marte

Questa piazza rilassata e vivace nello stesso tempo, piena di famiglie e venditori di dolci e di ragazzini che giocano, dà la misura dello stile di vita di Santiago. La maggior parte degli alberi sono stati sradicati dall’uragano Sandy del 2012.

Il reimpianto è avviato, ma ci vorrà del tempo prima che il parco possa nuovamente offrire le sue vaste aree ombrose di cui era celebre. Nota l’alta colonna che domina la piazza, un monumento dedicato ai reduci delle guerre di indipendenza.
Torna all’indice

Santiago de Cuba: cosa vedere: il forte
1.12. El Castillo del Morro San Pedro de la Roca
Ecco un altro dei luoghi simbolo di Santiago. Non si trova però in città, ma a 8 chilometri a sud.
La fortezza spagnola conosciuta come El Morro, fu costruita tra il 1638 e il 1700 all’ingresso della Bahía de Santiago de Cuba.  Venne edificata per difendersi dai pirati e  ricostruita dopo un attacco del 1662 da parte del corsaro inglese Christopher Myngs.

All’interno troverai un museo dedicato ai pirati. Al di là dei reperti che potrai ammirare, sono molto belle le stanze interne, che hanno pavimenti in legno e pareti in pietra e le varie terrazze. Da quella più bassa, la vista della fortezza stessa è decisamente notevole. Il percorso ti porta su e giù per la struttura con più di 200 gradini.

Ti consiglio di visitare la fortezza la mattina presto o nel tardo pomeriggio, per via del sole implacabile. La giornata nella fortezza termina con l’ammaina bandiera e lo sparo a salve dei cannoni, motivo questo per privilegiare le ultime ore della giornata.

√ Guarda sulla Mappa Google dove si trova El Castillo del Morro >>
Torna all’indice

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

2. Cosa Vedere a Cuba

Se Santiago de Cuba ti ha conquistato, ci sono ancora più meraviglie in Cuba che devi assolutamente vedere. 
Nel mio post “Cosa vedere a Cuba”, esploreremo insieme 20 luoghi incredibili, dalle affascinanti strade de L’Avana,  alle incantevoli spiagge di Guardalavaca.

Immergiti nella cultura di Trinidad , esplora la bellezza naturale della Valle de Viñales e visita le storiche strade di Cienfuegos. 
Scopri il mistero di Camagüey, la serenità di Baracoa, e le meraviglie dei Jardines de la Reina.

Non perdere l’occasione di vivere l’avventura nei Cayo Coco e Cayo Guillermo, conoscere la storia di Santa Clara, e ammirare la biodiversità del Pico Turquino. Cuba è pronta a sorprenderti in ogni angolo. Inizia il tuo viaggio ora!

👉 Leggi il mio post su “Cosa vedere a Cuba: 20 imperidibili posti” per scoprire tutti i dettagli!

 

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SU CUBA
CLICCA QUI

3. I miei programmi di Viaggio a Cuba

Se stai preparando un viaggio a Cuba…

➡️  Scopri il portale Cuba  e le tante proposte di viaggio

NOTA BENE
✅ Nel portale Cuba troverai sia viaggi individuali che di gruppo.  I viaggi individuali possono partire in qualsiasi giorno dell’anno, anche con una sola persona! I viaggi di gruppo prevedono invece date fisse.

✅ I programmi pubblicati  sono solo una parte di quelli che posso proporti. Chiedimeli 😉

✅ Tutti i viaggi  individuali che troverai  sono adattabili alle tue esigenze e possono quindi essere costruiti su misura, secondo i tuoi desideri.

➡️  Leggi le recensioni di chi ha viaggiato con i miei programmi

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

4. Scopri Chi Sono

Mi chiamo Roberto Furlani e lavoro con passione nel Turismo da 30 anni, di cui 15 passati a dirigere l’Ufficio Turismo del WWF Italia (Fondo Mondiale per la Natura) e 12 come Tesoriere di AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile).

Grazie anche a questa ricca esperienza sono oggi Responsabile Prodotto e Tour operator per Evolution Travel (il Network che conta più di 600 consulenti di viaggio on line), per cui ho creato più di 120 programmi di viaggio, con cui potrai scoprire il Centro-Sud America!

Troverai tutta la mia storia nel “chi sono”; aggiungo solo  che per 22 anni sono stato giornalista pubblicista delle pagine scientifiche del Corriere della Sera. E’ stato così per me estremamente naturale dare vita al Travel Blog in cui ti trovi e creare più di 350 post e video che, spero, ti aiuteranno a conoscere e amare intensamente come me questa Regione del nostro Pianeta.

Se vuoi sapere chi sono e che cosa posso fare per te clicca qui >>>

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

Condividi su:

Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Email

√ Hai uno spirito avventuroso e ai tuoi viaggi chiedi solo esperienze fuori dall’ordinario o preferisci goderti fino all’ultima goccia il benefico e rigenerante relax di una magnifica spiaggia?

√ Ti piacciono gli spazi aperti, dove il tuo sguardo scorre verso gli orizzonti infiniti o dove percorrere decine di chilometri senza incontrare anima viva o preferisci delle città vivaci e frizzanti ?

√ Qualunque siano i tuoi interessi, le tue passioni, i tuoi desideri…. Benvenuta e benvenuto nel mio blog! Mi auguro che i post e  i video che troverai contribuiscano a farti innamorare del Centro e Sud America 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il travel blog di Roberto Furlani.
Scopri chi sono e cosa posso fare per te!

Gratis per te 11 Ebook
sul Centro e Sud America.
Scopri come ottenerli!

Seguimi sui miei canali social
per scoprire ancora più contenuti ed avere una linea diretta di contatto con me!

potrebbe interessarti...

Ultimi post

Hai un sogno nel cassetto? Un'idea di viaggio da sviluppare? Un preventivo da chiedere?

× Scrivimi su whatsapp Available from 08:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday