Tiwanaku, Bolivia: perchè visitarla, cosa vedere

Ultimo aggiornamento del post 3 Giugno, 2024

Tiwanaku, Bolivia: perchè visitarla, cosa vedere, come arrivare

72 km a ovest di La Paz, vicino alla sponda sud-orientale del Lago Titicaca, si trovano le rovine di  Tiwanaku, conosciuta anche come Tiahuanaco, una città che rappresenta una delle più importanti culture pre-incaiche. E’ una delle 18 attrazioni della  Bolivia che consiglio di ammirare.

Visitare Tiwanaku è una escursione che puoi fare in giornata da La Paz o, altrimenti, la visita può far parte di un tour di due o più giorni che, dalla capitale boliviana, ti porterà poi al  lago Titicaca, per scoprire anche Copacabana e l’isla del Sol.

Ecco cosa potrai leggere in questo post:

1. PERCHE’ VISITARE TIWANAKU
2. COSA VEDERE A TIWANAKU
3. COME ARRIVARE A TIWANAKU
4. TI CONSIGLIO DI LEGGERE
5. PROPOSTE DI VIAGGIO IN BOLIVIA
6. SCOPRI CHI SONO

1. Perchè Visitare Tiwanaku

Tiwanaku fu inizialmente un piccolo insediamento agricolo nei pressi del lago Titicaca. Man mano che l’insediamento cresceva, l’influenza di Tiwanaku si espanse su altre zone, formando infine uno vero e proprio “stato”  verso il 300 d.C.

Tra il 600-800, Tiwanaku divenne una fiorente città e si affermò come un importante centro cerimoniale nelle Ande meridionali. Continuò ad estendere la sua importanza attraverso la politica, gli accordi commerciali, l’influenza culturale e religiosa, sino a coprire un’area che comprendeva la Bolivia occidentale, il Perù meridionale e il Cile settentrionale. Al suo apice, Tiwanaku aveva una popolazione di circa 20.000-40.000 abitanti.


La civiltà Tiwanaku rimase fiorente fino al 1000, quando iniziò il suo declino. La popolazione iniziò a diminuire, probabilmente a causa di una siccità, che rese difficile coltivare prodotti agricoli. Nel 1150 circa la cultura  Tiwanaku di fatto non esisteva più.

Poco dopo la caduta, la città fu saccheggiata ripetutamente e, quando arrivarono gli Inca, la città era in stato di abbandono da tantissimi anni. Fu in seguito riscoperta nel 1549 dal conquistatore spagnolo Pedro Cieza de León.

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SULLA BOLIVIA
CLICCA QUI

Secondo resoconti storici, gli abitanti della regione di Tiwanaku dissero ai primi spagnoli che i monoliti non erano che uomini trasformati in pietra dagli dei adirati per il loro comportamento.
Il riconoscimento della importanza e della grandezza della civiltà Tiwanaku  la si deve a scavi archeologici e studi abbastanza recenti.

Nel 2000, l’UNESCO ha dichiarato Tiwanaku Patrimonio dell’Umanità, per il suo ruolo che ha svolto nello sviluppo della civiltà pre-incaica andina. La cultura Tiwanaku ha modellato infatti alcuni dei monoliti in pietra più impressionanti del mondo, ha ideato ingegnosi sistemi di irrigazione e acquisito una conoscenza avanzata dell’astronomia.

I Misteri di Tiwanaku

Ancora oggi Tiwanaku rimane un enigma.  Ad esempio, il sito è disseminato di enormi blocchi di basalto pesanti anche 25 tonnellate che provenivano da cave distanti una quarantina di chilometri. E’ un vero mistero come possa essere stati trasportati con i mezzi di allora.

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

2. Cosa vedere a Tiwanaku

Le rovine di Tiwanaku sono costituite di ciò che è rimasto di imponenti strutture architettoniche come palazzi, templi e piramidi, nonché giganteschi monoliti e rappresentazioni figurative. Solo una parte del sito di Tiwanaku è stato riportato alla luce. La maggior parte è ancora da scoprire.

Ecco quattro delle cose principali che potrai  vedere a Tiwanaku.


Puerta del Sol – La porta del sole

E’ probabilmente il monumento simbolo di Tiwanaku Scolpito da un unico massiccio blocco di andesite, la Puerta del Sol  è alta 2,8 metri e larga 3,8 metri. La parte superiore presenta una serie di sculture in rilievo: 48 demoni alati o angeli che indossano acconciature piumate disposte su tre file.

La figura centrale  è il dio supremo conoscuito dagli Aymara come Thunupa , precursore di Viracocha, il dio Inca creatore del cielo e della terra.. La porta dava accesso al recinto sacro di Kalasasaya, c. 300 CE. E’ una porta aperta sul mondo dell’al di là.

Kalasasaya
E’ una enorme piattaforma quasi quadrata (i lati misurano metri 130×120) parzialmente ricostruita ed era un centro di osservazione astronomica. Grazie al suo orientamento, consentiva di  misurare solstizi e equinozi. Il nome in aymara significa “pietre verticali” e si riferisce agli enormi blocchi di pietra allineati che formano la base alta 3 metri. Una scalinata, ricavata da un unico gigantesco blocco di pietra, conduce a un cortile interno dove rimangono i resti di quelli che dovevano essere le abitazioni dei sacerdoti.

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SULLA BOLIVIA
CLICCA QUI


Il monolito di Ponce

E’ un monumentale statua in ardesite che si trova nel tempio di Kalasasaya. E’ alta 3,5 metri, risale al 300 d.C. e  rappresenta un maschio in posizione verticale, coperto da un’abbondante iconografia a basso rilievo. Deve il suo nome all’archeologo boliviano Carlos Ponce Sanginés, che lo dissotterrò, scoprendo che il monolito aveva una croce scolpita sulla spalla destra. Un  motivo per ritenere che la scultura fosse conosciuta dai colonizzatori spagnoli nel XVI° secolo, ma dimenticata fino alla sua scoperta nel 1964.


Piramide di Akapana
La Piramide di Akapana è il più grande edificio lasciato dalla cultura Tiwanaku.  Era una piramide tronca di 18 metri di altezza, orientato verso i punti cardinali e costruita su 7 livelli costruiti con tecniche costruttive differenti. Quella che vedrai è solo una parte della struttura che deve essere ancora riportata in gran parte alla luce. Non si conosce la funzione ma si ritiene dovesse essere un tempio cerimoniale o un cimitero di notabili. Alla base sono stati ritrovati ceramiche, offerte rituali, scheletri umani e di lama.

Un aspetto della piramide di Akapana che ha attirato l’attenzione è la presenza di un forte campo magnetico di origine sconosciuta. E’ possibile rilevarlo, ponendo una bussola a terra, in cima alla piramide. Potrebbe trattarsi sia di un fenomeno naturale come della presenza una grossa quantità di oggetti metallici sotto la piramide.

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

3. Come Arrivare a Tiwanaku

Raggiungere Tiwanaku da La Paz è semplicissimo. Dalla stazione dei bus in prossimità del cimitero di La Paz ci sono partenze ogni ora per Tiwanaku.

Considerando la scarsità delle spiegazioni che si possono trovare nei due musei e nei siti archeologici, ti suggerisco di prendere parte a dei tour guidati, in spagnolo o in inglese, che possono durare mezza giornata o una giornata intera.

In alternativa, Tiwanaku può essere visitata provenendo dal Perù, prima di arrivare a La Paz o partendo da La Paz con un tour di più giorni che comprende anche la visita a Copacaana e all’isla del Sol.
√ Come arrivare a Tiwanaku da La Paz: guarda la Mappa di Google >>
√ Come arrivare a Tiwanaku da Puno (Perù): guarda la Mappa di Google >>

4. Cosa vedere in Bolivia 

Esplorare la Bolivia significa entrare in contatto con un paese dalle ricche tradizioni e paesaggi mozzafiato. Nel mio post “Cosa vedere in Bolivia”, ti guiderò attraverso 18 straordinarie destinazioni che rendono questo paese unico.

Inizia il tuo itinerario a Sucre, la città bianca della Bolivia, con la sua architettura coloniale e i musei storici. Poi, lasciati sorprendere dalla vastità del Salar de Uyuni, il più grande deserto di sale del mondo, dove il paesaggio bianco si fonde con il cielo blu.

Non perdere l’occasione di visitare il Parco Nazionale Kaa Iya, famoso per la sua fauna selvatica e la gestione da parte delle popolazioni indigene e il Parco Nazionale Madidi o di ammirare la bellezza della Laguna Verde nella Reserva Nacional Eduardo Avaroa.

A Potosí, una delle città più alte del mondo, potrai scoprire la storia mineraria della Bolivia visitando il Cerro Rico, una montagna ricca di argento. Non dimenticare di esplorare Copacabana, un affascinante villaggio sulle rive del lago Titicaca.

Se ti interessa l’aspetto culturale, ti consiglio di fare un giro per i mercati tradizionali della Bolivia, dove potrai immergerti nei colori e nei sapori locali. Infine, visita Tiwanaku, un sito archeologico che offre uno sguardo affascinante sulle antiche civiltà andine. E non perderti La Paz!

Ogni destinazione nel mio post offre un’esperienza unica e indimenticabile. Che tu abbia dieci, quattordici o venti giorni a disposizione, la Bolivia ti sorprenderà con le sue bellezze. Continua a leggere il mio post per scoprire tutti i dettagli e pianificare il tuo viaggio perfetto in Bolivia.

GRATIS SCARICA
L’EBOOK SULLA BOLIVIA
CLICCA QUI

5. Programmi di Viaggio in Bolivia

Se stai programmando un viaggio in Bolivia…

➡️  Scopri  le altre mie proposte di viaggio in Bolivia >> 

√ Troverai sia viaggi individuali che di gruppo che si svolgono solo in Perù o in abbinamento con altri Paesi: Bolivia, Cile, Argentina. Scopri cosa vedere in Cile e in Argentina con le mie guide di viaggio.

√ I programmi pubblicati sono solo una parte di quelli che posso proporti. Se hai delle specifiche esigenze o dei particolari interessi, contattami!

√ Tutti i viaggi  individuali che troverai  sono adattabili alle tue esigenze e possono quindi essere costruiti su misura, secondo i tuoi desideri.
Torna all’indice

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

6. Scopri Chi Sono

Mi chiamo Roberto Furlani e lavoro con passione nel Turismo da 30 anni, di cui 15 passati a dirigere l’Ufficio Turismo del WWF Italia (Fondo Mondiale per la Natura) e 12 come Tesoriere di AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile).

Grazie anche a questa ricca esperienza sono oggi Responsabile Prodotto e Tour operator per Evolution Travel (il Network che conta più di 600 consulenti di viaggio on line), per cui ho creato più di 120 programmi di viaggio, con cui potrai scoprire il Centro-Sud America!

Troverai tutta la mia storia nel “chi sono”; aggiungo solo  che per 22 anni sono stato giornalista pubblicista delle pagine scientifiche del Corriere della Sera. E’ stato così per me estremamente naturale dare vita al Travel Blog in cui ti trovi e creare più di 350 post e video che, spero, ti aiuteranno a conoscere e amare intensamente come me questa Regione del nostro Pianeta.

Se vuoi sapere chi sono e che cosa posso fare per te clicca qui >>>
Torna all’indice

Hai un sogno nel cassetto?
Un’idea di viaggio da sviluppare?
Un preventivo da chiedere?

CONTATTAMI QUI!

 

Condividi su:

Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Email

√ Hai uno spirito avventuroso e ai tuoi viaggi chiedi solo esperienze fuori dall’ordinario o preferisci goderti fino all’ultima goccia il benefico e rigenerante relax di una magnifica spiaggia?

√ Ti piacciono gli spazi aperti, dove il tuo sguardo scorre verso gli orizzonti infiniti o dove percorrere decine di chilometri senza incontrare anima viva o preferisci delle città vivaci e frizzanti ?

√ Qualunque siano i tuoi interessi, le tue passioni, i tuoi desideri…. Benvenuta e benvenuto nel mio blog! Mi auguro che i post e  i video che troverai contribuiscano a farti innamorare del Centro e Sud America 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

potrebbe interessarti...

Ultimi post

Hai un sogno nel cassetto? Un'idea di viaggio da sviluppare? Un preventivo da chiedere?

× Scrivimi su whatsapp Available from 08:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday